Fotografia: istruzioni per l'uso - Mostra e conferenze

    Media Library Online Museo Alto Garda Sceglilibro Family in Trentino Emas

 

 

FOTOGRAFIA

ISTRUZIONI PER L'USO

Questa rassegna sulla fotografia, inaugurata con un buon successo di pubblico il 12 ottobre, è stata curata da Primo Cassol e vede nomi importati e competenti nel settore quali Gianfranco Ferraro, Sandro Iovine, Mario Colombelli e Luca Chistè, oltre allo stesso Cassol.
 
 
 
        
 
Foto di Gianfranco Ferraro
 

La mostra 

"Il signor Sindaco e la Città Futura" di Gianfranco Ferraro

E' la storia di Mimmo Lucano, il sindaco di Riace balzato agli onori della cronoca e del dibattito politico e culturale in questi giorni: ecco il link ad un interessante articolo di Sandro Iovine, direttore di FPmag, https://bit.ly/2NwxNxA. Allo stesso link trovate anche il trailer del documentario omonimo.
 
La mostra resterà aperta presso Casa Collini, nel cortile interno di Palazzo Panni, fino al 10 novembre dalle 10 alle 18, tutti i giorni tranne il lunedì (giorno di chiusura). L'ingresso è libero.
 
  
Foto di Gianfranco Ferraro
 
 

Le conferenze

 
 

 

Mercoledì 17 ottobre, 20.45

 Primo Cassol

"Leggere la fotografia" / Primo Cassol

Alfabetizzazione: fotografia e linguaggio. Civiltà visiva. "Democratizzazione dell'immagine".

Mercoledì 24 ottobre, 20.45

"Leggere la fotografia" / Primo Cassol

Le due Cesure: la scrittura lineare e l'immagine tecnica.

Mercoledì 7 novembre, 20.45

"Contaminazioni" / Mario Colombelli

Pittura e fotografia: andata e ritorno

Mario Colombelli

Pittore e scenografo è nato a Gorgonzola (MI), vive a Lasino dove si è trasferito per motivi familiari nel 1977. Ha frequentato il liceo artistico e l’ Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, (laurea in scenografia con 110 e lode) con Domenico Purificato e Raffaele de Grada,  successivamente ha svolto l’attività di insegnante di Disegno e Storia dell’Arte presso vari licei scientifici della provincia di Trento.
Dopo una assidua attività artistica negli anni settanta con mostre personali, concorsi e collettive in Lombardia (Collettiva Palazzo Reale a Milano, Convegno Pirandelliano ad Agrigento) negli anni ottanta, pur diminuendo l’attività pittorica, realizza alcune opere pubbliche in Municipi e Chiese della regione.
Dopo un pausa per impegni scolastici e famigliari considerati primari, è andato in pensione e ha potuto dedicarsi a tempo pieno alla pittura.
Ha comunque fatto numerosi personali sia a Trento (galleria Fogolino) e in tutta la regione.
Pubblicazioni su: Italia Artistica, Europa Artistica, L'Adige (vari articoli anche a più colonne), Alto Adige, Il Gazzettino, L’Eco di Bergamo, Corriere della sera, Vita trentina, Trentino Mese(numerose volte). Servizi televisivi: Rai 3, R.T.T.R., TVA, T.C.A. 
Annuario Italia artistica ed Europa artistica 1977 consultabile presso biblioteca Mart, pubblicato nel libro degli artisti trentini nel 2015 (bottega d’artista volume 2 a cura di Renzo Francescotti, Riccarda Turrina, Mario Cossali,).
Critici d’arte che ultimamente hanno presentato le sue mostre e hanno scritto di lui: Renzo Francescotti, Mario Cossali, Riccarda Turrina. 
E' docente di pittura presso gli “Amici dell’Arte” di Riva del Garda.
Ultime mostre personali a Vigolo Vattaro invitato dagli organizzatori del premio di poesia “Alicante” 30 luglio 2016 e Palazzo della Regione a Trento.

 

Martedì 27 novembre, 20.45

"Paesaggio antropico e fotografia" / Luca Chistè

Luca Chistè

È nato il 29 aprile 1960 a Trento, dove risiede e lavora. 
Sociologo, ha pubblicato una tesi sulla storia delle tradizioni popolari e ha analizzato l'impiego della fotografia come prospettiva metodologica nell'ambito delle scienze sociali e dell'antropologia culturale.
Ha conseguito un master in formazione presso l’Università Cattolica di Piacenza con il massimo dei voti e la lode.
Si occupa di fotografia, per amore e passione, dal 1980 e ha all'attivo numerosi studi (paper specialistici e critici sulla fotografia), pubblicazioni, rassegne personali e collettive, sia in Italia che all’estero. Da anni svolge attività di formazione con le associazioni e le realtà culturali del territorio, sul linguaggio fotografico, le tecniche di ripresa, la post-produzione e la stampa di immagini analogiche e digitali secondo le prospettive metodologiche della fine-art photography.
La sua attività di indagine si concentra sulla fotografia etno/sociologica e sul paesaggio, sia naturalistico che urbano. Per il proprio lavoro fotografico utilizza un metodo basato su un collaudato workflow orientato all’ottenimento di stampe fine-art in grande formato: per le immagini in bianco/nero, la ripresa è ottenuta con negativi di tipo analogico realizzati solitamente con equipaggiamenti in grande e medio formato (banchi ottici 4x5”, camere panoramiche 6x17 e negativi 6x7).
I negativi sono quindi sviluppati dall’autore e vengono successivamente digitalizzati con scanner ad elevate prestazioni ed acquisiti, in accordo al processo “ibrido”, in camera chiara (post-produzione digitale).
In tempi più recenti, per diverse ricerche monografiche a colori, fra cui quella di “Berlino.Profili urbani”, esposta al Centro Internazionale di fotografia di Verona Scavi Scaligeri, ha fatto esclusivo impiego di equipaggiamenti digitali e di uno strutturato work- flow per la gestione del colore (CMS - Color Management System) in tutte le fasi del processo (ripresa, post-produzione e stampa).
Le immagini impiegate nelle rassegne sono realizzate in tiratura numerata, od a singolo esemplare,  e sono ottenute con l'impiego di particolari metodologie che ne consentono la certificazione secondo quanto previsto dalla fotografia fine-art d'autore.
Nel 2009 ha fondato Phf Photoforma con la quale promuove la fotografia d'autore, la formazione, la ricerca sulla tecnica e sul linguaggio fotografico, il webdesign e la grafica legata alla comunicazione online.
Negli ultimi anni si è dedicato, insieme alle proprie ricerche fotografiche, alla curatela di numerose esposizioni d'autore e collettive (molte su catalogo) e, a partire dal 2013, ha iniziato una collaborazione specifica sulla fotografia per la pagina della cultura del quotidiano "Trentino".
 

 

L'ingresso a tutte le conferenze è libero.

 

 

 

 

 

[ indietro ]