Nuovi arrivi in biblioteca ad Arco

    Media Library Online Museo Alto Garda Sceglilibro Family in Trentino Emas

Cliccando sulle foto avrete accesso alla pagina   

In una Città del Messico affascinante e oscura, le vite di tre amici si intrecciano in maniera inestricabile sullo sfondo urbano della metropoli. Gregorio, che soffre di schizofrenia e a ventidue anni si uccide con un colpo di pistola; il suo migliore amico Manuel, perseguitato dal ricordo della malattia mentale di Gregorio, dallo spettro di un'amicizia tradita, dal mondo di violenza e di ossessione che circondava la vita dell'amico suicida; e la misteriosa Tania, ex fidanzata di Gregorio con cui Manuel ha una tormentata relazione. Giovani alla deriva, che cercano disperatamente un appiglio nel mare mosso della vita. Scritto con l'agilità di un copione cinematografico, "Il bufalo della notte" è un romanzo dalle tinte notturne, una storia ai confini della delinquenza e della normalità, il racconto di un rapporto viscerale di amore e amicizia che sopravvive alla morte.

«Le nuvole sono una promessa. L'adempimento è la pioggia» (proverbio arabo). Nella notte di San Nicola, a Bari, c'è stato un omicidio efferato. In una piccola casa bassa del centro storico è stata trovata morta una ragazza di poco più di vent'anni. Il cadavere è squarciato da varie ferite, intorno al corpo martoriato tracce della presenza di bambini: giocattoli, biberon, vestiti. I bambini però sembrano scomparsi nel nulla. Sul luogo del delitto arriva l'ispettore Cerri Esposito, seguito dal suo capo, Marinetti, e dall'ispettrice Sara Coen, con la quale Gerri ha un rapporto che si fa sempre più complicato. L'indagine si snoda nell'arco di pochi giorni. Giorni freddissimi, in cui la Puglia e il suo capoluogo vengono investiti da un'insolita nevicata, che alla fine lascerà il posto alla pioggia. Ancora una volta, una storia di infanzia violata. Quell'infanzia che Gerri deve ricostruire e recuperare da qualche parte nei suoi ricordi perduti.

In Francia e in Inghilterra esistono da circa venti anni e hanno permesso ai cittadini di ottenere ottimi guadagni e alle imprese di crescere (a volte ai nostri danni). Nel 2017 sono finalmente arrivati anche in Italia: si chiamano PIR (Piani individuali di risparmio) e sono strumenti finanziari che consentono ai privati di prestare i loro risparmi alle aziende. Una vera rivoluzione, e molto conveniente: godono di agevolazioni fiscali, danno buoni utili e possono rilanciare l'economia italiana, aumentando i posti di lavoro e riattivando l'indotto. I primi risultati sono stati incoraggianti... Ma ancora non basta, perché il nostro Paese ha un potenziale enorme: il Made in Italy, cioè la commistione di artigianalità e impresa che ci rende unici nel mondo. Finalmente anche noi potremmo sostenerlo e beneficiarne, tenendo in Italia il bagaglio di competenze che fa così gola all'estero. Il giornalista ed esperto di economia Leopoldo Gasbarro ci introduce in modo semplice e preciso i PIR, spiegando quando e a chi convengono, perché sono innovativi e il modo migliore per farli fruttare. E soprattutto ci invita a cambiare mentalità: se fino a ieri eravamo bravi risparmiatori, pronti ai sacrifici, è arrivato il momento di diventare investitori avveduti, cioè persone che sanno trasformare le rinunce in guadagni. Per noi e per l'Italia.

È l'anno 201 a.C. Nel lungo ritorno a Roma, Scipione è acclamato in ogni porto per le sue vittorie contro Annibale. Ma dietro tanta adulazione, si celano i sospetti e il tradimento. Roma non sembra volergli tributare tutti gli onori che merita, e il Senato si trincera dietro una freddezza che sa di congiura. In questo penultimo volume della saga di Scipione l'Africano, l'uomo che piegò Annibale e conquistò gli immensi territori africani, Santiago Posteguillo fa rivivere i giorni più epici della storia di Roma.

«Possibile che non l'hai ancora capito? Anche tu sei un autistico!» La frase detta quasi come un'ovvietà da una giovane neuropsichiatra a Gianluca Nicoletti, padre di Tommy - un ragazzone autistico di vent'anni con una capacità espressiva limitata all'universo di un bimbo di tre -, è di quelle che hanno il potere di cambiare una vita. Anche perché confermata ufficialmente dai risultati di test mirati e dalla successiva diagnosi, clinicamente precisa e inequivocabile: sindrome di Asperger, un disturbo dello spettro dell'autismo associato spesso, come in questo caso, a un alto quoziente intellettivo. Alla luce di tale sconvolgente consapevolezza, tutto assume contorni diversi e muta bruscamente di segno. Il presente, che, vissuto nell'impegno totalizzante di procurare a Tommy la massima felicità possibile e di immaginare un futuro decente per lui quando sarà solo, si arricchisce ora di nuovi significati, perché la scoperta della comune neurodiversità tra padre e figlio rischiara e rafforza la visceralità di un legame in cui non è più così chiaro chi dei due dà o riceve aiuto. Il passato, come dimostra la spietata autoanalisi con cui Nicoletti rivisita e reinterpreta in chiave «autistica», senza ipocrisia né falsi pudori, le fasi cruciali della propria esistenza: l'infanzia solitaria, il tormentato rapporto con la famiglia, i successi e i fallimenti professionali, le relazioni sentimentali, la paternità, i tic e le idiosincrasie personali, ritrovando in ognuna il filo rosso di un'incolmabile distanza dai valori e dai comportamenti della maggioranza neurotipica. E soprattutto il futuro, che, tra relazioni mediate da strumenti digitali e abbattimento di strutture affettive tradizionali e rassicuranti, sembra destinato a fare degli autistici ad alto funzionamento l'avanguardia più credibile di un prossimo salto evolutivo rispetto alla socialità. Io, figlio di mio figlio è un'appassionata e coraggiosa autoriflessione rivolta in particolare, anche se non solo, ai genitori di ragazzi autistici, che Nicoletti ha fatto uscire dall'ombra e dall'isolamento con il docufilm "Tommy e gli altri", trasmesso con successo in televisione, e che ora invita a scoprire e a rivendicare con orgoglio la propria neurodiversità: «Noi siamo figli dei nostri figli autistici e insieme vi mostriamo l'esempio di come i "cervelli ribelli" possono essere lo stimolo fantasioso ad aprirsi al nuovo e all'originale in una società imprigionata nella gabbia dei propri pregiudizi».

Questa è la storia di un incontro. L'incontro tra un padre e sua figlia, che è diversa dalle altre. Per Fabien, l'annuncio della sindrome di Down di Julia significa il mondo che gli crolla addosso. Come si affronta la disabilita di una bambina? Come si impara ad accettare per essere capaci di amare? Tra collera, dubbi, momenti tristi e di inattesa gioia, l'autore racconta il difficile cammino che l'ha portato verso sua figlia.

Gli studi di Maria Montessori si sono rivelati i più efficaci per sviluppare le capacità infantili, tanto che anche William e Kate si sono affidati ai suoi principi pedagogici. Questo libro si rivolge ai genitori che vogliono educare i figli secondo il suo metodo e agli insegnanti alla ricerca di spunti per la classe. Sylvie e Noémie d'Esclaibes sono tra le maggiori esperte a livello europeo, grazie a una lunga esperienza sul campo, dall'asilo nido fino al liceo. Propongono qui 150 simpatici esercizi da realizzare autonomamente a casa o a scuola con materiale di uso comune (fiori, semi, piante, stoffe...), suddivisi per fasce d'età e aree tematiche, in modo da sviluppare pienamente sensorialità, motricità, linguaggio, lettura, conoscenza e comprensione del mondo. Ogni attività è spiegata passo a passo, dalla preparazione alla presentazione, specificando in che modo va proposta per non incorrere in errori apparentemente insignificanti che potrebbero però pregiudicare lo sviluppo del bambino. Per esempio, mai correggere: si devono invece predisporre apposite fasi di controllo per guidare i più piccoli a individuare da soli gli sbagli. Perché il primo vero scopo del metodo Montessori è rafforzare l'autostima già dai primi mesi, per stimolare autonomia e curiosità. Infatti le normali attività ludiche diventano validi strumenti di apprendimento: con pochi gesti, potrete aiutare il bambino a crescere nel modo migliore e rafforzare il legame attraverso preziosi momenti di condivisione.

È il 1947 quando il giovane studente di medicina Osamu Tezuka, dopo aver pubblicato strisce e storie a puntate sulle riviste dell'epoca, esordisce con il suo primo libro. Si intitola "La nuova isola del tesoro" e, malgrado conquisti un pubblico vastissimo, il giovane Tezuka non è soddisfatto. Aveva consegnato al suo editor una storia di duecentocinquanta pagine e se ne ritrova tra le mani una da centonovanta: sessanta tavole sono state tagliate di netto e i disegni sono stati maldestramente rimaneggiati. Dopo questo mal digerito successo, Tezuka andrà avanti con la sua sfavillante carriera, dimenticandosi di questo libro. Ma quando, sul finire degli anni Settanta, il suo editore gli chiede di realizzare una collana di tutte le sue opere, Tezuka non può più ignorare questo fantasma del suo passato. Le tavole originali, però, sono perdute e le edizioni pubblicate anni addietro sono stampate molto male. La soluzione è una sola: ridisegnare interamente la storia, usando il vecchio albo come traccia e, soprattutto, aiutandosi con la sua prodigiosa memoria visiva. Rinasce così una storia di incredibile dinamismo, nella quale le disavventure di un gruppo di naufraghi e un'orda di pirati alla ricerca di un tesoro nascosto sono solo un pretesto per lanciarsi in inquadrature e tagli di montaggio che avrebbero pesantemente influenzato il cinema d'animazione (e non solo). Arricchiscono questa edizione il diario che Tezuka tenne tra il 1946 e il 1947 e una prefazione in cui l'autore racconta la travagliata storia editoriale di questo capolavoro perduto e il modo in cui è stato riportato alla luce.

Il posto delle margherite di [Peetz, Monika]

Kiki ne ha abbastanza della vita di città: ore e ore a girare inutilmente prima di trovare parcheggio, tormentata dal rumore incessante di lavori in corso che sembrano non finire mai. Per lei è arrivato il momento di cambiare aria e acquistare quel vecchio casolare in campagna di cui è innamorata per farne un bed and breakfast. È da qui, da questo luogo circondato da sconfinate distese di margherite e immerso nella calma dei laghi, che ha intenzione di ricominciare da capo. Ma a poche settimane dall’inaugurazione dell’albergo, si rende conto che c’è ancora tanto, troppo da fare: non riuscirà mai ad aprire in tempo. Per fortuna, arrivano a darle man forte le sue amiche di sempre, che hanno deciso di anticipare la loro gita annuale e di raggiungere Kiki nel suo paradiso in mezzo al verde. Forse può essere l’occasione giusta per passare del tempo insieme. Del resto, è stato per tutte un anno complicato: Caroline, avvocato, è tuttora alle prese con un caso difficile; la timida Judith è sempre alla ricerca di un suo equilibrio; Estelle non sopporta più l’invadenza del figlioccio e della sua consorte. E poi c’è Eva, l’intrepida mamma single che fatica a tenere a freno l’esuberanza del figlio. Tra confidenze, litigi, consigli e qualche bugia a fin di bene, le «amiche del martedì» si rimboccano le maniche e insieme realizzano il sogno di Kiki, riscoprendosi più unite di prima. Sono sicure che ormai niente potrà dividerle. A meno che al bed and breakfast non si presenti un uomo misterioso intenzionato a conquistarsi la simpatia di ognuna di loro... Senza eccezione.

  &  algo1952 facebook

[ indietro ]